Cinematografo Pathe’

Il 26 agosto 1912 il signor Luigi Corti, affittuario dei locali al piano terreno, verso strada, del fabbricato di proprietà di Luigi Restelli sito in viale Magenta n. 66, presentò istanza per opere edilizie per la realizzazione di una cesata provvisoria – ovvero gli steccati in legno per chiudere una area, in questo caso di proprietà pubblica, per poter installare un cantiere – al  fine di eseguire delle modifiche alla facciata. Accanto al fiume Olona esisteva almeno sin dalla fine dell’Ottocento infatti un fabbricato, segnato col nome di “stabilimento Baldissone”, un opificio industriale dalla forma quadrangolare se non fosse stata per una smussatura necessaria proprio per il passaggio del fiume, che probabilmente agli inizi del Novecento ospitava varie attività l’una accanto all’altra[1].

Il disegno allegato alla domanda, a firma dell’ing. Ponziano Mazzini[2], direttore dei lavori, mostra un basso fabbricato a due piani, a cinque campate, con bifore al piano terreno e finestre monofora al primo piano: un fabbricato industriale di fine ottocento, non scevro da una certa eleganza e dignità architettonica, che il progetto avrebbe in parte alterato con la realizzazione di cinque grandi luci vetrate al posto delle bifore.

Sarà necessario attendere fino al 30 settembre successivo per la presentazione dell’istanza di ristrutturazione dell’opificio industriale al fine di realizzare un nuovo cinematografo ed “esercizi affini”.

Il progetto intendeva dividere in due parti quasi uguali il grande opificio industriale al fine di ottenere sul lato verso il fiume Olona una grande sala cinematografica alla forma trapezoidale e con accesso dal corpo verso il viale Magenta, lasciando la parte rimanente per lo “skating”, ovvero una pista di pattinaggio secondo una moda molto in voga a quel tempo. Il parziale riutilizzo delle strutture portanti esistenti, ampie e molto alte, avrebbe permesso la realizzazione di un sala cinematografica forse poco appariscente verso strada ma piuttosto ricca e ricercata all’interno, come i disegni ben rappresentano. Dopo il rilascio del parere favorevole, a condizione di piccole modifiche, da parte della Commissione di Vigilanza sui Teatri[3], il progetto fu approvato da parte della Commissione igienico-edilizia in data 4 dicembre 1912[4].

Poiché i lavori di ristrutturazione insistevano su strutture già esistenti, l’iter burocratico non prevedeva più le consuete visite al rustico ed al civile, limitandosi invece alla richiesta di abitabilità al termine delle opere da eseguire. La visita per l’occupazione dei locali fu richiesta dal capomastro Alfonso Pinferetti, dell’impresa di costruzioni Tagliabuoni e Pinferetti che attendeva ai lavori, già il 26 maggio 1913 ed eseguita il 26 luglio successivo[5]. Il verbale tuttavia cita alcune visite precedenti nei mesi di maggio e giugno, ma in ogni caso non furono rilevati problemi al rilascio dell’abitabilità.



(Cinema Pathé, Viale di Porta Magenta 66 (poi viale Coni Zugna) – α 1912-13)


[1]La Guida commerciale ed industriale della Lombardia all’indirizzo di viale Magenta 66 individua ad esempio dei fabbri, officine meccaniche, carpentieri e dei negozianti di legname e così via.

[2]L’ing. Ponziamo Mazzini era residente in via Vigentina 1, ovvero corso di Porta Vigentina 1.

[3]Prot. N. 508/C. 126 del 19 novembre 1912.

[4]Furono rilasciati vari Nulla osta al progetto, secondo le varie domande avanzate volta per volta: il primo con P.G. 119641/1912 e 7343/1912 Rip. IX del 19 settembre 1912; il Nulla osta per le opere edilizie P.G. 150599/1912 e 9221/1912 Rip. IX relativa alla facciata fu rilasciato il 23 novembre 1912; quello relativo alle opere interne in muratura il 26 novembre 1912, P.G. 152802/1912 e 9347/1912 Rip. IX.

[5]In effetti la data della richiesta è scritta in maniera tale da poter essere interpretabile anche come “marzo”, ma pare poco credibile un lasso di tempo così esteso.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...