Le latrine sotterranee di Piazza Duomo (1901-1902)

“Un sotterrano si vorrebbe scavare sotto la piazza del Duomo, con ingresso , mediante scalone, dal sottopassaggio Carlo Alberto; ed in questo sotterraneo dovrebbero trovar posto smaltitoi e latrine. In questi giorni si fece, a tale scopo, qualche studio sul luogo. Auguriamo che il progetto si attui, e che nel sotterraneo vengano sepolti gli smaltitoi-latrine che circondano, deturpano, offendono il Duomo, e con esso la decenza, l’estetica, l’occhio, l’olfatto. Quei monumenti vespasiani sono una vergogna che deve sparire”.

L’idea di collocare le “latrine ambulanti” in appositi ambienti sotterranei, nascondendole pertanto alla vista, è fatta risalire al progetto dell’arch. Winkler del 1882 ed attuata dieci anni più tardi a Londra grazie al sig. Smeaton, produttore di apparecchi sanitari.

Alle ore 21 del 30 luglio 1901 fu convocato, in sessione straordinaria, il Consiglio comunale per discutere, tra le altre cose, intorno al progetto per due chioschi in piazza Duomo che avrebbero ospitato gli uffici di controllo tramviario per la Edison e le scale di accesso ad un sotterraneo adibito alle latrine sotterranee:

“Il locale sotterraneo di un ampio corridoio di m. 26,60 di lunghezza di m. 2,40 di larghezza: a destra e a sinistra di detto corridoio si troveranno i locali destinati ai singoli servizi e precisamente gabinetto di decenza, smaltitoi, gabinetti di toeletta, posto telefonico pubblico, deposito piccoli bagagli, ecc.

Il locale verrà costruito in gettata di calcestruzzo con copertura in cemento armato, riceverà luce da vetriate attuate sul marciapiede

Il sotterrano sarà diviso trasversalmente in due parti: una resterà riservata alle signore, l’altra agli uomini.

Nel riparto uomini vi saranno cinque latrine ed un gabinetto da toilette, gli smaltito pubblici, il posto telefonico ed il locale del custode.

Delle cinque latrine, quattro saranno a pagamento e serviranno per il pubblico, la quinta sarà tenuta a disposizione del personale tramviario

Nel riparto signore vi saranno quattro latrine e due gabinetti da toilette, un locale per la custodia dei pacchi e pel deposito di quanto occorre pel servizio, ed un locale per la custode.

Fra il riparto uomini ed il riparto signore non si potrà comunicare che passando pei locali dei custodi.

I gabinetti di decenza di m. 1,50 per 1,15 saranno costruiti completamnte in marmo di Carrara e provveduti di latrine a sifone e di cassette di lavatura dei sistemi moderni più perfezionati” .

Nella seduta del Consiglio comunale del 30 luglio il progetto fu approvato con un solo voto contrario.

I lavori iniziarono nella notte del 20 agosto 1901, innalzando una staccionata – mai fotografata a mia conoscenza – nella zona interessata “verso il sottopassaggio” di via Orefici; si conclusero il 14 agosto 1902, quando il cantiere fu rimosso ed il sotterraneo fu inaugurato “informalmente” permettendo ai milanesi di visitare i gabinetti e le toelette.


Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...